Università Cattolica del Sacro Cuore

Giurisprudenza

Sede didattica: Piacenza

Lingua: Italiano

Classe di laurea: LMG/01 (Giurisprudenza)

Durata corso di Laurea: 5

Facoltà: Facoltà di Economia e Giurisprudenza

Anno accademico: 2017/2018


Il Corso di Laurea magistrale in Giurisprudenza ha durata quinquennale e consente di raggiungere una formazione multidisciplinare, spendibile a livello nazionale e internazionale. Nel quadro dei corsi di laurea in Giurisprudenza, diffusi in tutto il Paese, la sede di Piacenza dell’Università Cattolica esprime rilevanti peculiarità scientifiche e didattiche: l’offerta formativa si distingue per i contenuti innovativi e, al contempo, sensibili alle sollecitazioni del territorio ove la Facoltà è insediata.

Conformemente, poi, alla vocazione educativa dell’Università Cattolica, il Corso di laurea in Giurisprudenza aspira a favorire la maturazione di un giurista con solide basi tecnico giuridiche, non disgiunte però da una conoscenza approfondita delle implicazioni umane, etiche e sociali dei complessi fenomeni che il diritto è chiamato a regolare. Il corso di laurea in Giurisprudenza è pensato e organizzato “a misura di studente”: per una precisa scelta dell’Ateneo, infatti, le sue dimensioni sono contenute, in modo da garantire - grazie all’ottimo rapporto, non solo numerico, tra docenti e studenti - la profondità e il rigore della formazione del giurista, una riduzione dei tempi di laurea rispetto ad altri atenei e un crescente livello di soddisfazione degli iscritti.

Il Corso di laurea è caratterizzato e trae vantaggio da una didattica seria e appassionante. Inoltre, esso promuove, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Giuridiche, iniziative scientifiche (convegni, seminari, pubblicazioni) di respiro anche internazionale, un attivo e proficuo confronto con il mondo del lavoro e un contatto diretto degli studenti con la pratica (forense, giudiziaria, imprenditoriale in ogni sua espressione): tale contatto si sostanzia, fra l’altro, nello svolgimento di stage presso studi legali, pubbliche amministrazioni e imprese; sono anche previsti seminari organizzati insieme agli Ordini professionali per consentire agli studenti l’ulteriore confronto con la realtà socio-economica attuale.

L’attività didattica e lo studio individuale si svolgono in un contesto di tranquilla operosità all’interno del Campus universitario di Piacenza, grazie all’ampia disponibilità di aule e di sale lettura e alla presenza di una biblioteca giuridica ben fornita, che consente anche l’accesso alle principali banche-dati on line italiane e straniere.

A conclusione del suo percorso formativo, lo studente vedrà aprirsi non soltanto i tradizionali sbocchi forensi (magistratura, avvocatura, notariato), nei quali le competenze interdisciplinari sono comunque un bagaglio prezioso, ma anche l’accesso a un’ampia gamma di professioni e ruoli nel mondo delle imprese, delle istituzioni, dell’amministrazione pubblica, delle organizzazioni internazionali e della comunicazione.

Proprio nella direzione di una concreta ed efficiente valorizzazione di detti obiettivi, la Facoltà ha attivato tre indirizzi di studi: forense, giurista d’impresa e internazionale.

Inoltre, la Facoltà ha attivato due convenzioni particolarmente vantaggiose per gli studenti della sede di Piacenza. La prima, stipulata con il Tribunale di Piacenza, offre la possibilità di effettuare uno stage presso gli Uffici giudiziari, valido ai fini dell’acquisizione dei crediti formativi richiesti per il conseguimento della laurea magistrale in Giurisprudenza: un’iniziativa che è finalizzata a mettere a disposizione degli studenti più motivati e meritevoli un importante strumento per accrescere la qualità delle competenze tecnico-giuridiche e culturali necessarie a garantire un migliore inserimento nel mondo professionale. La seconda convenzione coinvolge – oltre al Tribunale – l’Ordine degli Avvocati di Piacenza e favorisce l’inserimento professionale degli studenti di Giurisprudenza dopo la laurea, permettendo loro, in conformità alla riforma forense, il riconoscimento del tirocinio professionale svolto, per una durata massima di 6 mesi, presso il Tribunale di Piacenza, ai fini dell’ammissione all’esame di abilitazione all’esercizio della professione di avvocato. L’iniziativa realizza un modello fortemente innovativo di cooperazione tra università, avvocatura e magistratura e rappresenta un punto di riferimento nel panorama nazionale per l’applicazione delle nuove normative in materia di professioni forensi e amministrazione della giustizia.

  • Cerchi informazioni sui nostri corsi?
    Per conoscere al meglio il tuo futuro universitario lasciaci i tuoi contatti e riceverai news su Open day, saloni dello studente, test di ammissione e molto altro.