Università Cattolica del Sacro Cuore

Facoltà di Scienze agrarie, alimentari e ambientali

Il Made in Italy agro-alimentare è famoso in tutto il mondo ed è un carattere distintivo della nostra cultura e della nostra economia. Questa rilevanza è testimoniata anche dal fatto che l’ONU e l’Unione Europea hanno scelto l’Italia per farne sede della FAO e dell’EFSA (European Food Safety Authority) rispettivamente.

In questo contesto la Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali riveste un ruolo da protagonista, potendo contare su una lunga e prestigiosa tradizione. Fondata nel 1953 da Padre Agostino Gemelli, primo Rettore dell’Università Cattolica, con l’obiettivo di diventare una Facoltà “modello”, attualmente rappresenta un punto di riferimento assoluto, riconosciuto a livello internazionale per gli avanzamenti nel campo della ricerca scientifica oltre che per la qualità e l’innovazione delle attività didattiche. Si tratta di un ambiente all’avanguardia, dinamico e aperto; la maggior parte degli insegnamenti prevede esperienze pratiche di laboratorio, alcuni corsi di laurea sono interamente erogati in lingua inglese e la costruzione nel tempo di un ampio e qualificato network internazionale permette agli studenti di trascorrere periodi di studio all’estero presso importanti Università partner. Il Campus universitario di Piacenza e Cremona, immerso nella cosiddetta “Food Valley”, è il contesto ideale per approfondire lo studio di tutte le dimensioni e gli stadi del sistema agro-alimentare in una prospettiva di filiera definita “from farm to fork” (dal campo alla tavola).

Se negli anni ’50 l’obiettivo prioritario del sistema agro-alimentare era quello di incrementare la produttività, oggi questo settore è al centro di una vera e propria rivoluzione scientifica e tecnologica finalizzata a rendere i prodotti primari così come quelli derivati da piante, animali e microrganismi più ecocompatibili, di migliore qualità e sempre più competitivi nei mercati internazionali. In linea con queste esigenze la Facoltà ha rinnovato costantemente i contenuti della propria attività scientifica e didattica, arrivando ad approfondire l’evoluzione delle più sofisticate tecniche di produzione agricola, così come quelle della più moderna trasformazione industriale; il tutto ispirato dai principi della sostenibilità e della responsabilità nei confronti dell’ambiente. Ciò si traduce in piani degli studi aggiornati e innovativi nei quali trovano spazio tematiche di stretta attualità come l’iniqua distribuzione del cibo tra i paesi del nord e del sud del mondo, l’inquinamento e i cambiamenti climatici, i nuovi stili di vita salutistici, il potenziale di esportazione dei prodotti alimentari Made in Italy.

L’efficacia dell’attività didattica in aula è garantita da un rapporto ottimale tra numero di studenti e docenti. Inoltre, a ciò si accompagna un elevato numero di ore di esercitazioni in laboratorio e di visite in campo; si tratta di un fattore distintivo della Facoltà, molto apprezzato dagli studenti in quanto permette loro di sperimentare concretamente i principi studiati sui manuali teorici.

La Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali dell’Università Cattolica può vantare una fitta rete di relazioni, molto strette e collaborative, con le più importanti realtà aziendali operanti nel mondo agro-alimentare. Anche grazie a queste preziose sinergie gli studenti possono accedere ad un’ampia varietà di professioni, tanto che per molti di loro è possibile vivere un’esperienza di stage/tirocinio durante il percorso di studi e, soprattutto, al termine dello stesso il 90% dei laureati trova un’occupazione coerente con le proprie competenze entro pochi mesi dal conseguimento della laurea.

Per l’anno accademico 2018/19, la Facoltà propone quattro corsi di laurea triennale (tre nella sede di Piacenza e uno nella sede di Cremona) e tre corsi di laurea magistrale (due nella sede di Piacenza e uno nella sede di Cremona), oltre a master universitari di primo livello e secondo livello.

I corsi di laurea triennale sono:

  • Scienze e Tecnologie Agrarie (sede Piacenza) con due curricula:
  • Scienze e tecnologie agrarie;
  • Viticoltura ed enologia (abilita anche al conseguimento del titolo di Enologo).
  • Scienze e Tecnologie Alimentari nelle due sedi Piacenza, Cremona. Nella sede di Piacenza il corso di laurea si articola in due curricula:
  • Scienze e tecnologie alimentari;
  • Viticoltura ed enologia (abilita anche al  conseguimento del titolo di Enologo).
  • Sustainable Agriculture for Food quality and Environment (SAFE), sede Piacenza. Corso interamente erogato in lingua inglese, lanciato nell’anno accademico 2017-18.

A questi si aggiungono tre corsi di laurea magistrale (biennale):

  • Agricultural and food economics (sede Cremona) erogato in lingua inglese;
  • Scienze e Tecnologie Agrarie (sede Piacenza) con tre profili:
    • Produzioni vegetali e difesa delle colture;
    • Produzioni animali;
    • Viticoltura ed enologia.
  • Scienze e Tecnologie Alimentari (sede Piacenza).

La Facoltà ha inoltre attivato presso la Sede di Piacenza i seguenti Master universitari di primo livello:

  • Viticoltura ed enologia europea ed internazionale (Vintage);
  • Food-Identity (Prodotti tipici europei);
  • Viticulture and enology: innovation meets tradition

Nella Sede di Cremona, è inoltre attivato il seguente Master universitario di secondo livello:

  • Agri-food Business (SMEA, sede Cremona), interfacoltà con Facoltà di Economia e Giurisprudenza.

presso l’Alta Scuola in Economia Agroalimentare.

Dal 2006 è stata attivata la scuola di dottorato Agrisystem promossa congiuntamente alla Facoltà di Economia e Giurisprudenza della sede di Piacenza. La scuola è stata realizzata con il sostanziale contributo della Fondazione di Piacenza e Vigevano e ha come finalità la formazione di figure in grado di operare, in vari settori scientifici e professionali, con articolate capacità di analisi e di interpretazione degli eventi e che sappiano coniugare gli aspetti tecnici ed economici con quelli normativi, al fine di affrontare il complesso sistema agro-alimentare.